FERTILITÀ

ASPETTI PSICOLOGICI

Introduzione agli aspetti psicologici

IMPOTENZA

Introduzione all'impotenza

Aspetti psicologici

A cura del Dott. Paolo M. Bagnara

Si parla tanto di difficoltà psicologiche della coppia infertile, ma spesso i medici non sottovalutano il problema ?

E’ noto tra la comunità scientifica che opera nel campo della procreazione assistita la consapevolezza delle difficoltà psicologiche che accompagnano la condizione di infertilità ed i suoi percorsi diagnostici e terapeutici.
E' ben noto che la condizione di infertilità determina nella coppia ansia, stress psicosociale, frustrazione e problemi di relazione tra i partner della coppia.

Come reagisce una coppia di fronte all'infertilità ?

La reazione iniziale alla consapevolezza di avere difficoltà a procreare è di shock e sorpresa, poi possono subentrare atteggiamenti di rifiuto, di collera e di angoscia.
A livello di coppia la "crisi di infertilità" può inficiare le sfere della comunicazione, dell'attività sessuale e dei progetti futuri e dar luogo ad una situazione di conflitto e di isolamento sociale.

L'infertilità può interferire con la sfera sessuale ?

L'enfasi che la valutazione e il trattamento dell'infertilità pongono sul rapporto sessuale può condizionare la normale vita sessuale della coppia in senso negativo.
Sapere che proprio quel giorno "si deve fare" può far sorgere alla lunga atteggiamenti di rifiuto, con diminuzione della frequenza e della spontaneità dei rapporti e in alcuni casi l'insorgenza di disfunzione sessuali transitorie, come la difficoltà a raggiungere l'orgasmo, calo del desiderio, eiaculazione precoce, impotenza secondaria.

Che cosa fate nel vostro centro per aiutare le coppie infertili sotto il profilo psicologico?

Presso le nostre strutture esiste la possibilità in ogni momento del percorso riproduttivo di consultare uno psicologo con particolare esperienza nel seguire ed aiutare le coppie infertili come singoli o come coppie.

Quando è il caso di smettere, di dire basta?

Le grandi possibilità di offerta terapeutica disponibile sembrano aprire alle coppie ad ogni svolta un nuovo sentiero percorribile.
Se l'inseminazione non funziona, si può tentare la fecondazione in vitro.
L'intervento tecnologico rischia di rinchiudere le persone in una ciclo a cui alla speranza si alterna la delusione.
Continuando a provare forse qualcosa succederà.
E'difficile scegliere di uscire dal cerchio, accettare la realtà. E'difficile decidere di smettere o di aprire il capitolo delle alternative: l'adozione o una vita senza figli.
Oltre alle persone che hanno pochissime possibilità di riuscita perché rispondono poco ai trattamenti vi sono anche coppie ai primi tentativi che non reggono emotivamente a questo percorso.
Quindi la strada delle fecondazione assistita può non essere la strada giusta non solo per chi ha basse probabilità di riuscita, ma anche quelle coppie che per una serie complessa di motivi non sono in grado di affrontare le tensioni che i possibili insuccessi comportano.

Ma dire basta non è facile...

Gradualmente nel tempo è diventato più facile e più accettabile rimanere senza figli, ma ancora oggi la pressione sociale di genitori e amici si fa sentire.
Deludere i propri genitori nelle loro aspettative di diventare nonni, in particolare se si è figli unici può essere uno dei deterrenti.
Smettere può portare ad aumentare il proprio senso di colpa; è importante allora aiutare la coppia a ripercorrere tutto ciò che loro hanno fatto per avere un figlio, da quanti anni hanno tentato, quanti esami, quante stimolazioni, quanti tentativi di fecondazione assistita.
Ripercorrere le tappe più dolorose, ricordare gli amici e i parenti che nel frattempo hanno avuto figli; questo percorso può essere doloroso, ma aiuta a prendere coscienza di quanto si è fatto, che si è fatto... tutto il possibile.
Questo processo porta con se tristezza e rabbia, ma aiuta la coppia a riprendere il possesso della propria vita.
La decisione di smettere è una decisione traumatica che aiuta la coppia a riflettere sul significato della propria vita e su che cosa vuole fare della propria vita, aiuta la coppia a riconoscere che ognuno dei partner può avere bisogni, interessi e tempi diversi dall'altro.

LIBERATORIA | PRIVACY